• -

AUDIOMAXNET – Con la voce diamo vita alle parole

Category : Case history

La voce è uno degli strumenti con il quale l’uomo attira su di se l’attenzione degli altri esseri umani. Se ci soffermiamo a pensare a quante possibilità di impiego abbia, scopriremmo che queste sono tantissime. Si parla, si canta, si urla. L’uomo ha il dono della “parola” e, grazie a questo, riesce a comunicare con la voce, attraverso le corde vocali, emozioni di ogni genere. Ma alle parole, oltre che saperle utilizzare, bisogna anche dare un senso. E qui rientra in campo la voce con la quale riusciamo, secondo tecniche ben precise di modulazione, a dare vita alle parole, perché queste possano essere recepite da chi ci ascolta.

Oltre quello di cantante ed attore, esiste un mestiere, quello dello speaker o del doppiatore che si basa totalmente sull’uso della voce. La professione di speaker, in particolare, nasce negli anni Settanta. Prima, infatti, esistevano solo gli annunciatori della Rai ed i doppiatori del cinema. Con la nascita delle reti commerciali (Radio e Tv) è nata la professione dello speaker pubblicitario.

Ma chi può fare lo speaker? Non tutti. Non basta solo avere una bella voce. Bisogna anche saperla usare ed avere una corretta dizione. Per essere doppiatori, invece, bisogna essere prima di tutto attori. Anche un buon speaker deve avere sempre buone capacità di recitazione ed interpretazione, perché un testo, qualunque esso sia, non deve essere solo letto ma anche interpretato.
Lo strumento basilare dello speaker e del doppiatore, come abbiamo detto è la voce.Ce n’è, però, un altro altrettanto fondamentale, non umano ma tecnologico, ed è il microfono. Molto importante per uno speaker quando entra in sala di registrazione è saperlo usare correttamente. Anche se esistono processori che aiutano a migliorare le performance vocali, è sempre l’uomo, con il suo talento vocale, che imposta la voce ed emette il giusto suono dalle corde vocali.

Quante e quali sono le applicazioni a cui si può e si deve abbinare la voce? Noi ci occupiamo di doppiaggio e speakeraggio. Quest’ultima locuzione è nata di recente per identificare tutto ciò che viene letto e interpretato dallo speaker nello studio di registrazione. Cominciamo con elencare i prodotti per cui ci si avvale della collaborazione dei doppiatori: Film, telefilm, animazioni, videogiochi/videogames, audiogames. L’elenco invece è più vasto quando si parla di speaker: c’è il settore pubblicità per cui vengono effettuati speakeraggi per telecomunicati e radiocomunicati. Grazie all’avvento delle nuove tecnologie, negli ultimi anni, poi di internet, dei social network e grazie anche al continuo evolversi di nuovi prodotti multimediali e degli audiovisivi in genere, sono nate altre opportunità per lo speakeraggio ad esempio: E-learning, E-training, IVR (risponditori telefonici, segreterie), comunicati pubblicitari interni (radio in store), applicazioni per smartphone, audioguide e audiolibri o audiobook; in questo ultimo caso le letture vengono eseguite dalle cosidette voci narranti. Inoltre è possibile utilizzare lo speaker o il doppiatore anche per sonorizzare giochi elettronici e prodotti ludico educativi per bambini. In conclusione, è meglio lo speaker o il doppiatore? Molto dipende dal prodotto cui si intende abbinare la voce ma, secondo noi, è comunque sempre preferibile un attore che sappia fare anche lo speaker (voice actor).

Fino ad ora abbiamo parlato di Voci italiane per qualsiasi progetto cui si voglia abbinare l’audio. Bene, adesso parliamo di voci madrelingua. I confini europei e mondiali, grazie alle nuove tecnologie di comunicazione, oggi sono abbattuti. Sono sempre in aumento le aziende che esportano i loro prodotti nel mondo e che quindi necessitano di presentarsi ai loro clienti con video aziendali (corporate video), corsi di formazione (E-training) e apprendimento (e-learning), audioguide in tutte le lingue. Per queste esigenze, esiste lo speakeraggio con speaker madrelingua. Il voice talent, sia esso Inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo o di qualsiasi altra nazionalità viene convocato per lo speakeraggio di un testo tradotto nella propria lingua madre. Tramite la nostra azienda effettuiamo registrazioni di voci madrelingua professionali da qualsiasi parte del mondo e collegati al nostro studio di registrazione principale che ha sede in Italia. Ma abbiamo anche i così detti speaker e voice talents resident, cioè coloro che vengono a registrare la loro voce presso i nostri studi, in quanto residenti nella nostra città o nel nostro paese.

L’evoluzione dello speakeraggio o del doppiaggio avviene in sala quando lo speaker o il doppiatore, sotto la direzione del direttore di doppiaggio o l’art director si posiziona davanti al microfono e dà il via alla propria performance. Facciamo un esempio: abbiamo un filmato in lingua inglese che è la presentazione di un prodotto che dovrà essere distribuito in Italia. Registriamo con uno speaker il testo in italiano, dopo di che inseriamo la traccia audio della voce italiana sulla traccia originale inglese tenendo in sottofondo quest’ultima, oppure, a seconda delle esigenze del cliente, elimineremo quella inglese lasciando solo quella italiana. In questo caso avremo realizzato un voice over in italiano.

Oltre agli “artisti” voice telents e voice actors, parte essenziale del nostro organigramma sono i tecnici audio. Essi sono coloro che si occupano di editare (editing), di “pulire” (audio cleaning) la traccia audio realizzata e poi sincronizzarla al filmato (audio e video sync). Il tecnico audio è chi, nel caso di un doppiaggio per un videogame si occupa della ricerca della musica e degli effetti sonori che servono a creare le ambientazioni su cui è costruita la storia, e a cui il doppiatore presta la propria voce.

Quanto costa uno speakeraggio? Dipende dallo speaker, dipende dalla lunghezza del testo (questo può essere misurato in cartelle, in parole o in caratteri). Può dipendere anche dalla lingua scelta e infine dalle musiche eventualmente richieste e naturalmente dall’utilizzo finale che viene fatto dell’opera che si vuole realizzare.

Quanto costa un doppiaggio? Dipende dal numero di doppiatori da convocare, dalla lunghezza del film, del videogioco o dell’animazione. Dal numero di ore di produzione e post produzione che occorrono per completare l’opera e naturalmente dall’utilizzo finale che ne viene fatto.

Abbiamo realizzato un breve viaggio nel mondo della voce, del talento vocale cercando di illustrarvi quanto è bello e estremamente laborioso e molto spesso faticoso il nostro lavoro. La nostra offerta si basa su tre certezze: Esperienza, professionalità, serietà. Le nostre voci unite alla nostra passione, da trent’anni fanno il giro del pianeta con piena soddisfazione dei nostri clienti.

AUDIOMAXNET – Con la voce diamo vita alle parole 2014-05-23T11:42:02+00:00 admin